La perduta città d’Umbrìa, storia di tesori appenninici

E’ una storia di draghi, nani e montagne ricolme di monete d’oro. Di avventurieri che sono archeologi, di cacce al tesoro. Una storia di misteri, o come avrebbe detto il grande Sabatino Moscati, di problemi da risolvere. Parliamo d’Umbrìa, sito popolare e quasi leggendario, nascosto nella bella campagna di Varsi, nella valle del Ceno, all’ombra di vecchi faggi…
Leggi il seguito dell’articolo di Raffaele Castagno su La Repubblica-Parma
E se volete approfondire, La_città_d’Umbria_nell’Appennino_piacentino: l’intera pubblicazione originale del 1846.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie tecnici “di sessione” e persistenti proprietari e cookie analitici di terza parte per offrire agli utenti una migliore esperienza di navigazione e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Per maggiori dettagli clicca qui

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi