I monti dove si perde il tempo

Ecco, arrivati qui, sulla cima dei nostri monti, nello spazio sacro dove gli antenati costruirono un tempio di pietra bianca, arrivati qui sembra di stare in un altro mondo. Tra terra e cielo. E ti viene in mente che una volta un antropologo, esploratore, Giuseppe Tucci, uno che andava spesso in Tibet e in Nepal, guardandosi intorno, in quelle terre lontane e osservando i bambini che giocavano con i vecchi in un villaggio dignitosamente povero e splendidamente felice, fece questa riflessione: “Noi corriamo che ci manca il fiato, loro hanno il tempo per dimenticare il tempo”.

Il tempo per dimenticare il tempo. Di cosa di più avremmo bisogno, se non di questo. E’ roba che non si paga con tutte le ricchezze del mondo. Il luogo dove hai il tempo per dimenticare il tempo.

E’ questo il nostro altrove, quello la cui ricerca merita sempre un’avventura, grande o piccola. In fondo però non bisogna andare in Nepal per trovarlo. Per trovare il tempo che ti fa dimenticare il tempo basta camminare per Appennini, basta vivere nostri piccoli monti altrove.

Perché, dopo tanti anni di progresso, di industrializzazione di costruzioni e di distruzione, alla fine cosa ci rimane? Ci rimane questo. I nostri monti, il nome dei nostri monti, gli scarponi per calpestarli, i nostri sensi per entrare in contatto con loro e la nostra voce per.…

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie tecnici “di sessione” e persistenti proprietari e cookie analitici di terza parte per offrire agli utenti una migliore esperienza di navigazione e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Per maggiori dettagli clicca qui

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi